Aspetti distruttivi del conflitto di coppia

Aspetti distruttivi del conflitto di coppia

In ogni relazione di coppia, indipendentemente da quanto i partners siano compatibili o profondamente innamorati,prima o poi sorgono dei dissapori, si arriva a qualche scontro.
La gestione della casa, il rapporto con le famiglie di origine,i rapporti sessuali, l’educazione dei figli,sono molti i problemi che possono presentarsi.
Ma non sono i problemi in sé a mettere in pericolo la coppia!
Ciò che fa la differenza tra una coppia infelice,destinata a sfasciarsi,ed una coppia che continua ad amarsi e a voler proseguire insieme nella vita, non è il numero o la qualità dei problemi che sorgono, bensì è il modo in cui la coppia discute questi problemi,il modo in cui affronta le difficili situazioni emotive che si vengono a creare.

Vediamo insieme quali sono i veri fattori di rischio per una coppia,quelli che Gottman & Gottman hanno chiamato significativamente “I Quattro Cavalieri dell’Apocalisse”, dal nome dei biblici annunciatori di morte e di rovina.

 

“Il Primo Cavaliere“è rappresentato dall’atteggiamento critico.

In una relazione, è sicuramente sano esprimere un’insoddisfazione, una protesta, ma se questa è espressa in modo distruttivo, cioè come un attacco alla personalità dell’altro, ha un impatto emozionale deleterio.
Un conto è mettere in discussione un’azione del partner, un conto e’ ricondurre il problema ai difetti caratteriali dell’altro: “Sei il solito egoista!”, “Non ne combini mai una di giusta”, “Se non fossi cosi’ pigro!”, “Sei un irresponsabile!”… Questo è un attacco alla persona, provoca risentimento e dà luogo ad una reazione di attacco o di fuga, impedendo la soluzione del problema.

Spesso questo tipo di critica è accompagnata dal disprezzo,”il Secondo Cavaliere dell’Apocalisse” .
Il disprezzo può essere manifestato con lo scherno,con il sarcasmo,con l’insulto, e soprattutto con un linguaggio non verbale che ferisce profondamente: alzare gli occhi al cielo , storcere le labbra, assumere atteggiamenti di superiorità. Sono tutte armi letali che distruggono la relazione e danneggiano profondamente la persona che ne è fatta oggetto, arrivando addirittura, se reiterati nel tempo, a danneggiarla fisicamente, in quanto minano il suo sistema immunitario tanto da renderlo facilmente attaccabile da malattie infettive.

La critica rivolta al partner come un attacco alla persona, può indurlo a mettersi sulla difensiva . Questo atteggiamento è “il Terzo Cavaliere dell’Apocalisse”:
il partner che si sente aggredito e sotto accusa come persona, respinge immediatamente le proteste del partner e può farlo in due modi: o assumendo il ruolo della vittima innocente, oppure passando al contrattacco, cioè  rispondendo a sua volta con una serie di accuse e di critiche velenose.

 

L’estrema difesa e’ l’ostruzionismo, “il Quarto Cavaliere dell’Apocalisse”: la persona si ritira in un silenzio ostile, diventa un muro. Questo atteggiamento genera nell’altro un senso di frustrazione e di collera, una “piena emozionale”(Goleman), che porta all’innalzamento  del volume e dell’intensità delle critiche e dei rimproveri. Si innesca un circolo vizioso devastante.

Lasciare spazio a questi modi di vivere i conflitti che sorgono inevitabilmente nella coppia,significa condannarsi all’infelicità e,prima o poi,alla fine della relazione. Infatti,se ogni tentativo di risolvere un problema diventa uno scontro che non porta a niente, è facile cominciare a pensare che ogni difficoltà del rapporto sia grave e irresolubile,inoltre, nelle ferite che i partners si infliggono a vicenda durante i loro scontri, si accumulano risentimento,rancore,disistima di sé e/o dell’altro,sensazione di non essere capito e tantomeno amato.

Telefono: 347 867 5080
Mogliano Veneto, via Trento n.12